bottaro_world_map.png

Natale a Milano

Natale a Milano

Il periodo natalizio a Milano viene inaugurato il 7 dicembre nel giorno di Sant’Ambrogio, patrono della città. Tradizionalmente, in questa giornata i milanesi addobbano la casa e poi assistono alla diretta della Prima della Scala, la rappresentazione che inaugura la stagione lirica del teatro più famoso al mondo.

Il 7 dicembre i riflettori di tutto il mondo sono puntati sul teatro. L’evento ha una rilevanza culturale notevole, ma non solo. La serata è anche un evento istituzionale e mondano. Entrando nel foyer si viene abbagliati dallo scintillio dei gioielli e dei raffinatissimi abiti di alta sartoria indossati da attori, personaggi dello spettacolo e artisti. Poco conta che si abbia o meno un interesse per la lirica, l’importante è esserci.

Per trovare gli amanti dell’opera bisogna salire ai piani alti, nel loggione. Come ad ogni prima, qui si ritrovano i veri appassioni e critici che con applausi calorosi o fischi di critica sanciscono il successo della prima.

 

 

A Milano il Natale si vive così

• Non esiste milanese che a dicembre non faccia un giro in centro per ammirare gli addobbi che illuminano la città. Imperdibili sono quelli in Piazza Duomo e in Galleria Vittorio Emanuele II.

• Un’altra tappa d’obbligo è la fiera degli Oh Bej Oh Bej. In pieno centro si susseguono bancarelle con prodotti di artigianato e d’antiquariato caratterizzate da un clima natalizio unico.

• Non è natale senza i celebri Marron Glacé di Giovanni Galli. La ricetta di questi marroni canditi dal gusto intenso e avvolgente viene tramandata dal 1911 di generazione in generazione.

• Conosciuto in tutto il mondo, il panettone nasce proprio a Milano nel XV secolo. La storia narra che per il pranzo di Natale di Ludovico il Moro, il cuoco dimenticò il dolce. Allora un garzone di nome Toni prese gli ingredienti rimasti e ne inventò uno nuovo che fu molto apprezzato dai commensali del duca. Da quel momento in poi il dolce venne chiamato “il pane di Toni”, detto Panettone.

• La storia del panettone si intreccia a quella di un altro simbolo dell’Italia nel mondo: il Cenacolo Vinciano. Situata nel refettorio del convento adiacente a Santa Maria delle Grazie, l’Ultima Cena fu commissionata a Leonardo da Vinci dallo stesso Ludovico il Moro nel 1494.

• Proprio a due passi dal Teatro alla Scala, si trova il Museo Poldi Pezzoli, un vero e proprio museo nel museo. Il palazzo è composto da sale e studioli riccamente decorati che ospitano capolavori su tela del Rinascimento italiano, sculture, ceramiche e raffinate opere di oreficeria.

• Il museo Bagatti Valsecchi è un’abitazione nel cuore del quadrilatero della moda che fu ristrutturata nel XIX secolo per ospitare la collezione d’arte dei due fratelli, i baroni Fausto e Giuseppe Bagatti Valsecchi. L’atmosfera intima e accogliente di questa casa museo – arredata nello stile del Cinquecento Lombardo – diventa magica quando si avvicina il Natale.